Frase sbagliata namber uan: "Forse per capire quanto siamo importanti l’uno per l’altro è necessario che ognuno si viva un’altra storia."

No. NO. Perchè gli altri non sono fantocci da ‘usare’ per capire. Perchè IO so bene quanto sei importante. Perchè dovrebbero girarti fortemente le palle al solo pensiero di altre mani su me. 

Mi pare pura follia. D’un tratto è come guardarsi da fuori e intenerirsi della piccolezza, della fragilità…ben sapendo che non ha nulla a che fare con te. Mi dice: "per rispetto della privacy non dovresti fare domande su quel che faccio e chi vedo". Intanto mi chiama amore. E vi assicuro che non è l’ultimo demente egoista sulla faccia della terra (ci sono motivi, scompigli, paure che vedo, che so…però basta sapere e giustificare!). Ora mi chiedo: ma noi persone innamorate, e qui davvero poca c’entra il sesso, perchè ci riduciamo ad arrivare a farci dire certe cose?? Mah…mistero per me. Credo davvero che il nocciolo della questione sia non tanto quel che ci accade…ma che noi ci si permetta di farle accadere, di farci mortificare…ferire…così. Che sia una tendenza al masochismo? Ma che ci insegnano dell’amore se questo continuiamo a chiamarlo ‘amore’??

 

 

 

Annunci

20 Pensieri su &Idquo;

  1. Mi sveglio con la bocca amarissima e poche ore di sonno. La sensazione è di vergogna. Io sto male per una persona così, che ben vorrebbe mi buttassi nelle braccia di un altro.
    Scriverlo è come girare il coltelluccio nella ferita. Ma non voglio dimenticare questi momenti.

  2. il copione del perfetto egoista-infantile-vigliacco.. già visto e sentito. Che la musica dia alla testa?

    No, tesora, non sei tu che devi provare vergogna. Un abbraccio grande :-*

  3. lo dico da anni
    è una fiaba al contrario

    quando va, va
    credo sia da vivere così

    credo che la cosa che manca, spesso, è la necessità di amarsi

    il più degli amori che ho visto e che vedo, sono malattie coperte di compagnia

    comunque fa male, quando una cosa si rompe
    perchè si rompe da una sola parte
    resta del tempo, tutto il tempo, eppure è come rotto
    come un bellissimo orologio che
    però
    non funziona
    segna solo quell’ora
    della chiusa
    mentre ogni cosa piove e cade
    piove e cade anche il nome che si ha e che si indossa
    anche se non lo riconosciamo più
    restiamo come appendiabiti dismessi
    con troppi occhi, dentro, che non sappiamo più dove mettere
    perchè quando si ama si smette di guardare
    e non la reggiamo più
    la luce che siamo

    non vale per tutti.
    ma nemmeno per nessuno.
    chi ci si ritrova, magari ci prenderà anche.
    non tutti.
    non tutti

    restiamo zingari, da un certo punto in avanti
    e non c’è verso di toglierci la puzza buona che hanno tutti colori che hanno amato davvero
    e sono rimasti
    nel riflesso su quell’orologio
    rotto
    rotto
    maledettamente rotto.

  4. E tu lascialo, vai via. Non farti chiamare amore da chi ti consiglia di farti una storia altrove…ne so qualcosa. Non stare con chi non vuole costruire niente con te. Non sopportare un surrogato di sentimento. Credimi, in certi casi sembra difficile, ma da soli è meglio.
    Coraggio…

  5. Non scrivo per descrivere un mostro e la sua vittima. Dovreste poter ascoltare anche la sua versione, mi rendo conto. Ma tanto non c’è ragione o torto. Forse si, si tratta di un surrogato d’amore. Cercavo sentimenti e ho trovato emozioni. Emozioni altissime. Pur sempre emozioni. Momentanee.
    Scrivo perchè mi è abitudine, regola, soffermarmi sul bello che mi accade ed invece questa volta ho bisogno di guardare freddamente al brutto per poter ìmi rialzare e andare avanti. Non ce la faccio altrimenti. Tornerei indietro mille e una volta.
    Per me è stato amore e in quest’amore sono rinata, seppur con fatica. Non voglio rimpianti, se il passo avanti devo portare, sarà un passo libero.

    Poi..poi questo lo devo a tutti quelli che mi stanno incredibilmente vicini.

    E poi ancora…cazzo, la vita questa ho e la voglio vivere attimo per attimo in ogni cosa che mi accade, anche in questo turbinio melmoso, sino in fondo.

  6. si, vivilo fino in fondo questo amore (ho fatto la stessa cosa) ma ad un certo punto renditi conto che esisti anche tu, non c’è solo lui con i suoi consigli subdoli e insinuanti… e risali la china, perché la persona che devi amare, prima di tutte le altre, è dentro lo specchio in cui ti guardi ogni giorno, e se non sorride più…mi spieghi che senso ha resistere? Ti avesse anche dato 3000 emozioni, chiediti cosa ti resta ora. Scusa la durezza, so che ogni situazione è diversa, ma certe frasi, le conosco troppo bene.

  7. senza cattiveria
    nessuna sa come sei, perchè sei solo tu, dentro te
    e le stesse frasi, sono QUELLE frasi, per te
    e non per un altro o un’altra
    e non sono dette da un alto o un’altra

    ho dovuto bucarmi anche nel dire una cosa così
    perchè c’era amore
    ma non er apiù quell’amore
    e
    forse alcuni non arrivano a quello che è un compromesso comune
    magari no
    magari è una scemenza
    in cos ecosì, vale tutto
    e non vale nulla
    conta solo quello che conta per te

    ed oggi, su un autobus
    alle sette e trentacinque circa
    ho pensato
    l’Oro l’ho già io

    santo cielo
    quando ci ho pensato ho detto
    ecco
    è sempre quella cosa
    con le lancette
    e
    il resto
    chiamalo fato
    chiamalo come ho detto qui sopra

    non lo so

    forza

  8. si, certo, è ovvio che solo noi sappiamo quel che stiamo e le emozioni che ci trasmette un altro…ma Goccia ha ammesso di essere triste e frustrata e questo dice tutto…se ascolti la radio e invece di musica senti un fruscio fastidioso, cambi frequenza o continui ad ascoltare il rumore fastidioso?
    A meno che tu non sia Nam June Paik…

  9. Ed è vero, se vai con un altro capisci ancora di più quanto conta per te la persona che vorresti ti amasse…ma se non sei portato per cose di questo tipo…a che può servirti?

  10. quando fa soffrire è l’attenzione a noi che proviamo delle cose, noi che abbiamo bisogno di sentirci vivi, anche in negativo.
    L’amore è costruzione.
    Se fa male non è per le tue cellule, è altro da te.
    Mi dispiace leggerti così amara e disillusa. Sai che molto bene ti comprendo e ti tengo stretta.

    Fiore

  11. Nessuno ci obbliga ad amare per sempre. L’amore e’ una scelta che si rinnova ogni giorno, oppure no, un giorno ci svegliamo e ci accorgiamo che non siamo piu’ felici, che quel che ci torna indietro non corrisponde a quello che noi investiamo. Inutile domandarsi il perche’ dell’egoismo maschile, infantilismo etc etc. Cosi’ e’. Ma se succede che una persona ti regala delle belle emozioni, cosi’ belle da farti rinascere, prendi tutto il buono di questo, finche’ c’e’ , finche’ dura, finche’ sono emozioni positive. Finche’ questo ti rende felice, e solo fino ad allora, non un giorno di piu’. La vita e’ una sola, e dura troppo poco per sprecarne momenti con chi non ci ama e ci fa piangere.

    Sulla poca consapevolezza maschile c’e’ poco da dire, anche io trovo sconfortante che un uomo debba pensare di tradire per poter capire cosa prova per un’altra.

    Mi viene solo da dirti una cosa, ma non amo dare consigli da maestrina, quindi te lo dico cosi’ come lo dico a me stessa, consapevole del fatto che quando si sa amare davvero e’ un po’ difficile imporsi delle regole.
    Vorrei dirti di non investire mai troppo su un uomo. Ama, dai e prendi molto. Ma che non sia mai troppo. Che non sia mai qualcosa che possa un domani devastarti. Lascia sempre un ampio margine per te stessa.
    RICORDATI CHI SEI, SEMPRE.

    E’ quello che dico sempre a me stessa, quando ho paura di perdere la testa. “Francesca, ricordati chi sei”.

    Un abbraccio,
    F

  12. E’ che non so chi sono. Eppure rifiorisco (mi dicono). Eppure faccio cose, vedo gente, questo blog e pochi altri attimi con pochi rimangono a cadenzare questo dolore, questo lutto. Eppure dentro mi sento devastata dalla mancanza. La ragione va da una parte, il corpo e il resto dall’altra.

    Mi ritrovo proprio in quelle parole di Ramif più su…quel:

    “resta del tempo, tutto il tempo, eppure è come rotto
    come un bellissimo orologio che
    però
    non funziona
    segna solo quell’ora
    della chiusa
    mentre ogni cosa piove e cade
    piove e cade anche il nome che si ha e che si indossa
    anche se non lo riconosciamo più
    restiamo come appendiabiti dismessi
    con troppi occhi, dentro, che non sappiamo più dove mettere”.

    io sto proprio così. e so che capite, perchè certo l’avete vissuto pure voi. non so come uscirne. non so tirarlo via da me.

    Però vi ascolto, vi rileggo.
    Grazie davvero.

  13. sono l’egoista-infantile-vigliacco e da quello che leggo è chiarissimo il perché della fine della nostra storia. Questo episodio, chiarito da tempo, chiarisce in modo inequivocabile che quando due persone che si vogliono bene arrivano ad equivocare in modo così grossolano le parole dell’altro è bene che ognuno dei due vada per la propria strada. Non ci sono spiegazioni, psicologismi o altro: leggo mediocri luoghi comuni sul maschio che ecc ecc senza neanche un vago tentativo di autocritica o di autentica comprensione. Credo sia anche ovvio che se in una coppia ci si faccia gli agguati a vicenda su quello che si dice… è bene riflettere sulla necessità di continuare un rapporto, di qualunque tipo. Il resto è letteratura spicciola da rubrica sentimentale, senza alcuna vergogna…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...