Tra due persone che si amano

la paura non è

 del perdersi

 ma del non essersi mai

 per davvero

incontrati.

 

Annunci

57 Pensieri su &Idquo;

  1. Di aver incontrato… l’immagine che noi ci siamo fatti dell’altro.
    Poi a volte scopriamo che la nostra immagine e la sua persona… non combaciano.
    E restiamo delusi.
    Ma ce l’eravamo creata noi l’illusione.

    Parlo per me. Scusa.

  2. Di aver incontrato… l’immagine che noi ci siamo fatti dell’altro.
    Poi a volte scopriamo che la nostra immagine e la sua persona… non combaciano.
    E restiamo delusi.
    Ma ce l’eravamo creata noi l’illusione.

    Parlo per me. Scusa.

  3. Come dice La Rochefoucauld:
    “La cosa più difficile da trovare nei rapporti amorosi è l’amore”.

    Non deve stupire o apparire come una negatività. E’ una gran verità. Non son facili le cose dell’amore. Se si fosse più consapevoli di questo…sarebbe tutto molto più semplice! 🙂

    Mic: forse. Ma al momento non viene in mente una sola coppia che mi abbia dato la sensazione di essersi “incontrata”. pessimista io?

    Nick: a volte l’immagine che abbiamo di noi stessi non combacia cn quel che siamo, figuriamoci quella di un altro essere sconosciuto!
    Per questo amicomio sono ‘faticosa’ ;)…perchè mi danno per non fermarmi all’immagine, all’apparire delle cose. (poi non capisco un cazzo comunque e combino disastri…ma almeno ci provo!)
    Baci!

  4. Come dice La Rochefoucauld:
    “La cosa più difficile da trovare nei rapporti amorosi è l’amore”.

    Non deve stupire o apparire come una negatività. E’ una gran verità. Non son facili le cose dell’amore. Se si fosse più consapevoli di questo…sarebbe tutto molto più semplice! 🙂

    Mic: forse. Ma al momento non viene in mente una sola coppia che mi abbia dato la sensazione di essersi “incontrata”. pessimista io?

    Nick: a volte l’immagine che abbiamo di noi stessi non combacia cn quel che siamo, figuriamoci quella di un altro essere sconosciuto!
    Per questo amicomio sono ‘faticosa’ ;)…perchè mi danno per non fermarmi all’immagine, all’apparire delle cose. (poi non capisco un cazzo comunque e combino disastri…ma almeno ci provo!)
    Baci!

  5. mi piace la frase
    ma più che si amano, mi sembra che ci stia meglio “che stanno insieme”. Forse perchè mi piace pensare che due persone che si amano consapevolmenet si sono anche davvero incontrate

  6. mi piace la frase
    ma più che si amano, mi sembra che ci stia meglio “che stanno insieme”. Forse perchè mi piace pensare che due persone che si amano consapevolmenet si sono anche davvero incontrate

  7. Andrè la frase è proprio mia e scrivendola la stavo correggendo come suggerisci tu, perchè…perchè la penso proprio come te. Che si amano consapevolmente. Ma sai quanto è difficile amare e quanto lo è il farlo in modo consapevole?
    E poi…. l’ho riscritta così. Perchè così mi era nata in testa al mattino, una sorta di fedeltà al pensiero!
    baci e dai una sistemata a quei ciuffi da babarottu ;O)

    Pralinix…..grasssiiieeee…e va beh…son romantica (in fondoinfondoinfondo)
    ;-*

  8. Andrè la frase è proprio mia e scrivendola la stavo correggendo come suggerisci tu, perchè…perchè la penso proprio come te. Che si amano consapevolmente. Ma sai quanto è difficile amare e quanto lo è il farlo in modo consapevole?
    E poi…. l’ho riscritta così. Perchè così mi era nata in testa al mattino, una sorta di fedeltà al pensiero!
    baci e dai una sistemata a quei ciuffi da babarottu ;O)

    Pralinix…..grasssiiieeee…e va beh…son romantica (in fondoinfondoinfondo)
    ;-*

  9. … forse sono pessimista ma mi vien da dire, davvero crediamo che tra due persone possa esserci l’amore, non è forse più sensato definire certe sensazioni come attrazione, stima, affetto, e l’incontro essere più un fatto evolutivo? .. forse mi sono alzato male…. ps: foto!!!

  10. … forse sono pessimista ma mi vien da dire, davvero crediamo che tra due persone possa esserci l’amore, non è forse più sensato definire certe sensazioni come attrazione, stima, affetto, e l’incontro essere più un fatto evolutivo? .. forse mi sono alzato male…. ps: foto!!!

  11. Ale… e basterebbe per una vita.
    🙂

    Ala… dica signorina, vagheggiava anche lei su ‘ste cose? ;))

    Lu’…no, direi che diventi realista. Ad esser precisa credo fortemente che tra due persone possa esserci amore, ma certo non è cosa comune e frequente. Non siamo pronti. Non siamo disposti a darci. Amore pare essere uno sconquasso del sè e se noi a parole o per brevi momenti ambiamo al coinvolgimento, nel profondo e nel concreto agiamo in cerca della stabilità, del conosciuto di noi…per paura, per poca voglia, per abitudine, per mille motivi diversi.
    Non tutti certo. In ogni caso…ha importanza il definire? Se fosse amore, sarebbe impossibile da definire compiutamente. Come se ti volessi raccontare il profumo dei dolci fatti in casa da mia nonna…le parole non possono arrivare a definire l’indefinibile.
    Se anche amore fosse ‘solo’ quel che tu definisci, sarebbe grandioso. E se anche non fosse una sola cosa di quel che ciascuno di noi definisce amore, potrebbe essere grandioso uguale. Ieri, col Fagioletto ;O) a cena ci siam detti una cosa: forse una cosa che non deve mancare nel rapporto amoroso è la capacità di farci sognare. Forse questo, per davvero, può fare la differenza.

    (ah quanto mi prendono ‘sti discorsi!! Lu’ consiglio anche per te: “Le cose dell’amore” di Galimberti, ed. Feltrinelli)

    Ti abbraccio tanto 🙂

  12. Ale… e basterebbe per una vita.
    🙂

    Ala… dica signorina, vagheggiava anche lei su ‘ste cose? ;))

    Lu’…no, direi che diventi realista. Ad esser precisa credo fortemente che tra due persone possa esserci amore, ma certo non è cosa comune e frequente. Non siamo pronti. Non siamo disposti a darci. Amore pare essere uno sconquasso del sè e se noi a parole o per brevi momenti ambiamo al coinvolgimento, nel profondo e nel concreto agiamo in cerca della stabilità, del conosciuto di noi…per paura, per poca voglia, per abitudine, per mille motivi diversi.
    Non tutti certo. In ogni caso…ha importanza il definire? Se fosse amore, sarebbe impossibile da definire compiutamente. Come se ti volessi raccontare il profumo dei dolci fatti in casa da mia nonna…le parole non possono arrivare a definire l’indefinibile.
    Se anche amore fosse ‘solo’ quel che tu definisci, sarebbe grandioso. E se anche non fosse una sola cosa di quel che ciascuno di noi definisce amore, potrebbe essere grandioso uguale. Ieri, col Fagioletto ;O) a cena ci siam detti una cosa: forse una cosa che non deve mancare nel rapporto amoroso è la capacità di farci sognare. Forse questo, per davvero, può fare la differenza.

    (ah quanto mi prendono ‘sti discorsi!! Lu’ consiglio anche per te: “Le cose dell’amore” di Galimberti, ed. Feltrinelli)

    Ti abbraccio tanto 🙂

  13. Se ti sei innamorato una volta,
    sai ormai distinguere la vita da ciò che è supporto biologico e sentimentalismo,
    sai ormai distinguere la vita dalla sopravvivenza. Sai che la sopravvivenza significa vita senza senso e sensibilità,
    una morte strisciante:
    mangi il pane e non ti tieni in piedi,
    bevi acqua e non ti disseti,
    tocchi le cose e non le senti al tatto,
    annusi il fiore e il suo profumo
    non arriva alla tua anima.
    Se però l’amato è accanto a te, tutto, improvvisamente, risorge, e la vita ti inonda con tale forza che ritieni il vaso di argilla della tua esistenza incapace a sostenerla. Tale piena della vita è l’eros.
    Non parlo di sentimentalismi e di slanci mistici, ma della vita, che solo allora diventa reale e tangibile, come se fossero cadute squame dai tuoi occhi e tutto, attorno a te, si manifestasse per la prima volta, ogni suono venisse udito per la prima volta, e il tatto fremesse di gioia alla prima percezione delle cose. Tale eros non è privilegio né dei virtuosi né dei saggi, è offerto a tutti, con pari possibilità.
    Ed è la sola pregustazione del Regno,
    il solo reale superamento della morte. Perché solo se esci dal tuo Io,
    sia pure per gli occhi belli di una zingara,
    sai cosa domandi a Dio
    e perché corri dietro di Lui.

    Christos Yannaras

  14. Se ti sei innamorato una volta,
    sai ormai distinguere la vita da ciò che è supporto biologico e sentimentalismo,
    sai ormai distinguere la vita dalla sopravvivenza. Sai che la sopravvivenza significa vita senza senso e sensibilità,
    una morte strisciante:
    mangi il pane e non ti tieni in piedi,
    bevi acqua e non ti disseti,
    tocchi le cose e non le senti al tatto,
    annusi il fiore e il suo profumo
    non arriva alla tua anima.
    Se però l’amato è accanto a te, tutto, improvvisamente, risorge, e la vita ti inonda con tale forza che ritieni il vaso di argilla della tua esistenza incapace a sostenerla. Tale piena della vita è l’eros.
    Non parlo di sentimentalismi e di slanci mistici, ma della vita, che solo allora diventa reale e tangibile, come se fossero cadute squame dai tuoi occhi e tutto, attorno a te, si manifestasse per la prima volta, ogni suono venisse udito per la prima volta, e il tatto fremesse di gioia alla prima percezione delle cose. Tale eros non è privilegio né dei virtuosi né dei saggi, è offerto a tutti, con pari possibilità.
    Ed è la sola pregustazione del Regno,
    il solo reale superamento della morte. Perché solo se esci dal tuo Io,
    sia pure per gli occhi belli di una zingara,
    sai cosa domandi a Dio
    e perché corri dietro di Lui.

    Christos Yannaras

  15. Son sempre più convinto che l’Amore è una creatura mitologica, una leggenda…

    Statisticamente improbabile
    umanamente incerto
    logicamente inverosimile

    Ma gli esseri umani hanno tanto bisogno di leggende ed illusioni.

  16. Son sempre più convinto che l’Amore è una creatura mitologica, una leggenda…

    Statisticamente improbabile
    umanamente incerto
    logicamente inverosimile

    Ma gli esseri umani hanno tanto bisogno di leggende ed illusioni.

  17. Andrè… difficile commentare qui senza banalizzare… però si, ciò è possibile. Accade.
    (senza parole.verovero.)

    Nick… ahahah…qui ti volevo!

    “Son sempre più convinto (NON CERTO???) che l’Amore (SE LO METTI CON LA “A” MAIUSCOLA E’ GIA’ UN RICONOSCERNE LA DIFFERENZA DA QUALCOS’ALTRO..) è una creatura mitologica, una leggenda…

    Statisticamente improbabile
    umanamente incerto
    logicamente inverosimile

    (TERMINI CHE INDICANO IL DUBBIO!!)

    Ma gli esseri umani hanno tanto bisogno di leggende ed illusioni.

    (MA GLI ESSERI UMANI HANNO TANTO BISOGNO DI TENERE I PIEDI PER TERRA, DI SENTIRSI STABILI, HANNO PAURA DI SOGNARE).

    E poi smettila…tanto so che mi vuoi bene proprio perchè sai che che io all’amore (maiuscolo e/o minuscolo) ci credo…fin troppo! ;-D

    Ne deduco: mai innamorato??

  18. prof io stavolta mi giustifico…l’argomento amore non l’ho studiato, anzi a pensarci bene quelle pagine del libro credo me le abbia mangiate il cane…però un salutino volevo lasciartelo…perchè mi manchi un po’…
    ti abbraccio

  19. I piedi per terra??? Ma se facciamo di tutto per distaccarci dal concreto e sognare:
    film
    musica
    religioni
    miti come l’Amore

    Si, con la A maiuscola non esiste; e con la a minuscola è… il cugino povero.

    Innamorato io? Spesso. Fino a rinsavimento 🙂

  20. Dani secondo me una cosa è desiderare mentalmente, un’altra è quel che nel profondo ci spinge ad agire, o meno, in una direzione. Più o meno tutti a parole ambiamo ad una relazione con l’altro appagante e serena…poi, di fatto, rifuggiamo confronti, dissensi. L’uomo cerca la poesia è vero, ma non sa farsi toccare l’anima. E neppure il cuore.

    Anna…sono mancata un po’ da tanto. Anche da me. Mi era necessario :). Per Nick..che dirti? Te l’ho sempre detto: va preso a piccole dosi all’inizio, può apparire cinico…ma non lo è. E’ uno che si scruta e in fondo si compiace molto poco. E io l’adoro (forse proprio perchè non mi da mai ragione!).

    Zumal..mhmm, vero, non ricordavo De Andrè!

    Fiore…che poi se ci si incontra per davvero è anche facile che duri più a lungo :).

    Quero…no, io le so ‘far girare’ benissimo! ;-D
    Ti abbraccio forte.

  21. Eh ma cara Li… il primo è istinto, il secondo intelligenza (nel senso di utilizzo del cerebro).
    “Fatti non foste per viver come bruti, ma per inseguir virtute e canoscenza”
    Almeno… in teoria, o nei nostri desideri di ritenerci esseri superiori. Poi invece seguiamo le budella pretendendo di giustificarle col cerebro.
    Rifuggiamo i confronti ed i dissensi perchè ne abbiamo paura. Perchè nel cerebro sappiamo che se affronteremo il tal argomento… ci verrà il mal di budella. Allora meglio evitare. Meglio tacere, sopportare…. finché la colica arriva tutt’altro che improvvisa ed inattesa ma poderosa e non ignorabile.

    Io mi compiaccio molto di me stesso! Come diceva la mia ex-moglie sono arrogante, presuntuoso e… ops… ho dimenticato il terzo aggettivo…
    Sono cinico e disilluso, ma mi piaccio così.

    Mi cullo in una sola illusione. Quella di un Amore finito troppo presto, che mi ha lasciato in bocca il gusto del dubbio: quello di non sapere mai se sarebbe stato il vero Amore (quello improbabile e mitologico) oppure se anche lui era destinato ad un fisiologico… transito budellare.
    🙂

  22. Eh ma cara Li… il primo è istinto, il secondo intelligenza (nel senso di utilizzo del cerebro).
    “Fatti non foste per viver come bruti, ma per inseguir virtute e canoscenza”
    Almeno… in teoria, o nei nostri desideri di ritenerci esseri superiori. Poi invece seguiamo le budella pretendendo di giustificarle col cerebro.
    Rifuggiamo i confronti ed i dissensi perchè ne abbiamo paura. Perchè nel cerebro sappiamo che se affronteremo il tal argomento… ci verrà il mal di budella. Allora meglio evitare. Meglio tacere, sopportare…. finché la colica arriva tutt’altro che improvvisa ed inattesa ma poderosa e non ignorabile.

    Io mi compiaccio molto di me stesso! Come diceva la mia ex-moglie sono arrogante, presuntuoso e… ops… ho dimenticato il terzo aggettivo…
    Sono cinico e disilluso, ma mi piaccio così.

    Mi cullo in una sola illusione. Quella di un Amore finito troppo presto, che mi ha lasciato in bocca il gusto del dubbio: quello di non sapere mai se sarebbe stato il vero Amore (quello improbabile e mitologico) oppure se anche lui era destinato ad un fisiologico… transito budellare.
    🙂

  23. paura di non avere davanti chi realmente vuoi?
    mah?
    e dici che è una paura tra persone che si amano?
    O solo di una delle due?
    No perchè se già si amano così immagino quanto si ameranno quando questa paura svanirà…
    Tanterrimissimissimo!

  24. Qwe…ma la paura può svanire?

    Nick…il gusto del dubbio…bello. E’ quel che basta per non incagliarsi in certezze che potrebbero allontanarci da una nostra possibile felicità. (ma quanto sono saccente???)
    Baci cinici :))

    Ala…’grande’ donna ;-**

  25. Ce c’entra la felicità???
    La continua ricerca del mitologico Amore ci provoca sofferenza, non felicità.

    Secondo me i cinici sono più felici: non soffrono quando non vedono realizzarsi illusorie aspettative

  26. Ce c’entra la felicità???
    La continua ricerca del mitologico Amore ci provoca sofferenza, non felicità.

    Secondo me i cinici sono più felici: non soffrono quando non vedono realizzarsi illusorie aspettative

  27. Ciao CrocD!!

    Anna:l’ho trovato davvero qui, qualche anno fa. Anzi poi vado a cercare il suo primo commento!! Ma perchè non vi fate un meeting dalle vs parti e vi scambiate reciproche (illusorie) riflessioni sull’amore? ;-D

    IO, sulla mia pelle….e sapete entrambi che non mi proteggo…vi dico che se da una parte è vero che l’amore porta con se un bel carico di sofferenza, dall’altra è ASSOLUTAMENTE vero che non c’è miglior motivo per soffrire se non per amore. Quello che si vive…di bello…vale tutto il resto che arriva. Senza rimpianti.
    Almeno così è per me. E non ve lo dico perchè questo è un buon momento, perchè sto su di una nuvoletta rosa. anzi…tutt’altro.Nondimeno…il mio convincimento è addirittura rafforzato.

    Vale sempre la pena di amare.

  28. Ciao CrocD!!

    Anna:l’ho trovato davvero qui, qualche anno fa. Anzi poi vado a cercare il suo primo commento!! Ma perchè non vi fate un meeting dalle vs parti e vi scambiate reciproche (illusorie) riflessioni sull’amore? ;-D

    IO, sulla mia pelle….e sapete entrambi che non mi proteggo…vi dico che se da una parte è vero che l’amore porta con se un bel carico di sofferenza, dall’altra è ASSOLUTAMENTE vero che non c’è miglior motivo per soffrire se non per amore. Quello che si vive…di bello…vale tutto il resto che arriva. Senza rimpianti.
    Almeno così è per me. E non ve lo dico perchè questo è un buon momento, perchè sto su di una nuvoletta rosa. anzi…tutt’altro.Nondimeno…il mio convincimento è addirittura rafforzato.

    Vale sempre la pena di amare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...