Voli gemelli

Si può volare anche con i piedi poggiati al suolo, sbaglio?

post in divenire…

Ok, si, avevo scritto ‘post in divenire’. Però, insomma, è che non son capace di usare le parole a mio piacimento. Ci vorrebbero malizia ed ironia e quel leggero distacco necessario. Distacco? Oh bene, non so neppure dove stia di casa per andargli a bussare la porta! Già mi immagino….Toc toc….scusi, signor Distacco, avrei bisogno del suo aiutino (si usa così vero? che l’aiuto vero e proprio è fuori moda), si, avrei bisogno dei lei per scrivere una cosa che vorrei rimanesse nel mio blog come traccia di me. Non è il caso Lei dice? Vado fuori post? In effetti si, doveva esser passionale ma quel che a me rimane è la tenerezza. E’ vero, dopo questa foto certo stona parlar della bellezza che ti coglie nel risvegliarti e sentire un corpo che non è il tuo eppure percepirlo come se fosse una propagazione di te, tanto che il doversi separare pare quasi innaturale. Rientrare nella propria casa e buttarsi a letto quasi abbracciandosi da sè perchè ogni cellula pare ancora richiedere quella carezza calda del suo abbraccio. Chiudere gli occhi sorridendo al cuscino, perchè l’ultima immagine che porti nel mondo dei sogni è la sua fossetta spuntata fuori qando ti ha guardato e ha detto: tesoro..

Sì, tutto questo non c’entra un granchè e sono pure cose private.

Ma qualcosa da dirvi di importante c’è. E la dedico a chi come me a volte nella vita non sa darsi pace nella strenua ricerca di qualcosa….o qualcuno. Tutto arriva…tutto ciò che è il meglio per noi…nella misura in cui pur desiderandolo e credendo che arriverà….si rinuncia a cercare. Forse è questa resa che permette ai nostri sensi di vibrare liberi…non so. C’è un’amica ‘virtuale’ che due anni fa mi chiese se secondo me fosse possibile nella vita amare ancora dopo aver già amato con affidamento, abbandono, con speranza…in verità più volte provai a rispondere, ma non convincevo neppure me…c’era sempre un po’ di fatica, di se e ma. Poi…poi quando non credi, non cerchi, quando ti convinci che se hai già amato una volta sei pure fortunata, ecco che accade. E non hai più domande, dubbi. Ti dici: amo. Senza fatica di dirlo perchè anche il dirlo non è necessario se non al desiderio di sentire la tua voce che lo dice.

Poi…poi non è un contratto. Non è una garanzia. Non è un impegno. Ami. Questo è.

Vivete quel che vi accade con fiducia. Anche quando fa male. Sappiate cogliere tutto il meglio anche del peggio. E ogni esperienza vissuta sarà per voi il passo per quel che vi attende. Con amore.

[spargere ora un po’ di sale please, che con tutto ‘sto miele finisce che qualcuno di voi si sentirà male!!]  

Annunci

33 Pensieri su &Idquo;Voli gemelli

  1. ** quero
    ah la concentrazione…dove sta anche questa?
    Bacione bella 🙂

    ** oldie
    si…

    ** scatto
    ali spiegate? 😉

    ** elfa
    certo che si!

    **ale
    ecco qualcuna che capisce ammè! ;))

    ** black
    oh la testa….ecco dov’era!

    ** qwe
    …troppo eh? Mi è andato così ‘sto post! Dai, passo in farmacia e offro io ;-D

    ** moscardino
    ben ritrovato! L’idea del divenire non è mia, ma di un amico che la usò tempo fa nel suo blog. Bella però si (anche se poi ci si sente come impegnati a proseguire!).

  2. SALE: tutti sono disposti a compiacerci quando ciò fa del bene a loro. Perciò anche l’amore è una specie di autobus: uno ci sale e scende quando si è avvicinato alla propria destinazione, noncurante di ciò che poi succede all’autobus.
    Tutte le nostra azioni sono motivate da una qualche forma di egoismo, ma grazie al cielo non ce ne rendiamo conto: qualcuno gode nel dare, molti godono nel ricevere, ma tutti agiscono per migliorare il proprio stato emotivo. Per fortuna l’amore è fatto in modo che la somma degli egoismi dia un risultato positivo per i diversi giocatori. Questo, almeno, nello stato di grazia.
    Ecco fatto. Brucia, questo sale?

  3. ** scatto
    ;))

    **tatabum
    e a me piace questo nick: tatabum! E’ musicale, sa di folletto 🙂

    ** ioforseio e quero
    fatte combutta contro di me voi due? ;-D

    **oldie
    questo sale non brucia,bensì insaporisce il discorso. C’è tutto…anche questo. Se vuoi prova a leggere “le cose dell’amore” di Galimberti o anche Osho in “con te o senza di te”. Affascinanti entrambi nelle loro riflessioni sull’amore (ci vado a nozze su queste cose). POi però, dopo aver letto, butta via tutto ;). E cerca nella TUA esperienza d’amore (ho detto d’amore eh…non di coppia, matrimonio, bla e ancora bla). Io un’intuizione l’ho avuta e la perseguo: che di certo l’amore è qualcosa di grande e di non definibile compiutamente. Lontana da noi…anni luce…eppure…eppure è lì.
    Nello stato di grazia, dici. Giusto, non credere che volando io non sbirci di tanto in tanto tra le mie piume…troppo spietata con me stessa per non farlo. Intanto però volo e mi impegno che lo stato di grazia duri più a lungo possibile ;)).
    L’amore autobus pure mi piace, inteso come strumento…e anche quella noncuranza…perchè se arrivi a destinazione, il compito dell’autobus è compiuto…il problema nasce se molli su chi ti accompaganava: ma che ne sai se per lui/lei la fermata non sia oltre la tua?Io di cose proprio quadrate, dritte e giuste, nella vita ne ho vite poche.
    Sognare almeno un po’? :))

    **lepotene
    altro che se hai ragione! Ci si prova però.. 🙂
    …e ben arrivata!

    **Milit
    davvero? Non è che in preda ad un attacco di iperglicemia hai perso il lume della ragione? 😀

    **Ale
    in questo momento magari non condividi tanto, eheh… 🙂

    ** pralina
    pralinuccia mon amour!!;-*

  4. Ah, Quindi la falciatrice si riferiva a te, dicendo che tu neghi. Credevo che che fosse lei stessa, Quero, la negazionista!

    E quindi, Pli, cosa stai negando di fronte all’evidente evidenza? Molla l’osso, sputa il rospo!!!

  5. aiutoooo!!!
    qui ci attorcigliamo….ma a me ben piace seguire gli intorcigliamenti!

    Non negavo….ma negherei: che oggi sto bene, ma così tanto bene che mi sento pure scema, perchè in effetti avrei motivi per farmi girare le palle, per strattonare chi fa scivolare il tempo, chi non ascolta, chi pensa a sè….invece mi sento scema. Scema e felice. Presuntuosa scema e felice.

  6. Ahahaha old, ma sei curioso!!
    Ok, dipano la matassa: “ioforseio” ed io, abbiamo evitato di commentare il commento di pli.
    Lei ci ha presi in castagna dicendo che eravamo in combutta 🙂
    Ed io ho giocato a fare il maschio 🙂 negavo l’evidenza del fatto che io fossi in combutta..credo..ora mi sono incartata…
    Pli..aiuto 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...